Blog

ALLA SCOPERTA DI PADOVA ANTICA

I Notturni d’Arte, giunti alla XXVII edizione, si presentano anche quest’anno con un calendario di visite e di spettacoli particolarmente ricco.

Il programma illustrerà il racconto delle antiche origini della nostra civiltà: dai Veneti antichi fino alla civiltà paleocristiana. Protagonista assoluta della manifestazione sarà la mostra Venetkens Viaggio nella terra dei Veneti antichi, allestita a Palazzo della Ragione fino al 17 novembre 2013, un racconto straordinario e avvincente che permette di scoprire la storia, gli usi e costumi dell’antico popolo dei Veneti, comprenderne l’evoluzione culturale lungo il I millennio a. C. e percepirne l’espansione e l’adattamento in un territorio corrispondente al Veneto, parte del Friuli Venezia Giulia e del Trentino.

Direzione e cura di progetto di Mirella Cisotto Nalon.

Arrivati alla XXVII^ edizione, i Notturni d’Arte tornano alle origini, raccontando la storia antica di Padova: un racconto avvincente, scandito da 25 serate, dal 30 luglio all’1 settembre, che si snoderà intorno alla grande mostra Venetkens Viaggio nella terra dei Veneti antichi, allestita a Palazzo della Ragione fino al 17 novembre 2013.

A cadenza settimanale, ogni martedì, sarà infatti possibile partecipare alla visita guidata alla mostra e ai sotterranei del Palazzo della Ragione, con la possibilità nella serata inaugurale del 30 luglio di avvalersi della guida di alcuni tra i curatori scientifici della mostra.

“Il programma di quest’anno – evidenzia l’Assessore alla Cultura Andrea Colasio – permetterà a padovani e turisti di comprendere l’importanza del ruolo assunto dalla nostra città fin dal primo millennio avanti Cristo. Partenza in qualche modo obbligata sarà la mostra Venetkens, dove per la prima volta viene presentata la civiltà degli antichi Veneti in modo articolato ed esaustivo. Sarà solo l’inizio di un affascinante itinerario che si concluderà al Castello Carrarese, il fulcro dell’estate padovana. Invitiamo quanti vogliono avere un quadro aggiornato della storia più antica della città a non perdersi i Notturni: sarà una sorta di sintesi di tutte le conoscenze acquisite, con la presentazione delle ultime scoperte archeologiche e dei dati forniti dagli studi più recenti”.

In questa nuova edizione, organizzata dalll’Assessorato alla Cultura all’interno del format “Estate Carrarese” e curata da Mirella Cisotto, capo settore Attività Culturali, si ripercorreranno le testimonianze archeologiche dell’antica civiltà dei Veneti, di Padova romana e del periodo tardo antico, fino a inoltrarsi nelle epoche successive per riflettere sull’eredità dell’antico: saranno proposte visite alle collezioni museali della città e del territorio circostante, alle stratificazioni sotterranee e ai luoghi della città più carichi della memoria del passato, con l’apertura anche di siti che normalmente sono chiusi al pubblico.

Le visite guidate saranno condotte da archeologi e storici dell’arte e le serate saranno animate da spettacoli che spaziano dal teatro ai reading letterari, dalla musica alla danza e ci saranno attività per i più piccoli.

Il programma prevede, oltre alla visita della mostra Venetkens (30 luglio, 6, 13, 20 e 27 agosto), quella alle collezioni di reperti archeologici dei Musei Civici (1 e 3 agosto), e alle collezioni numismatiche del Museo Bottacin (1 agosto), al Museo del Fiume Bacchiglione a Cervarese Santa Croce (31 luglio), al Museo di Scienze archeologiche e d’Arte del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova (21 agosto), al Museo della Centuriazione romana di Borgoricco (7 agosto), alle testimonianze tardo antiche presenti nella Basilica di Santa Giustina (24 agosto), nella Chiesa di S. Sofia (22 agosto), nella chiesa di San Michele a Pozzoveggiani (29 agosto) e nell’Oratorio di San Michele (28 agosto), passando per il Museo La Specola (28 agosto), dove è stata allestita per l’occasione una mostra bibliografica sulle conoscenze astronomiche antiche a cura dell’INAF.

Per ricostruire virtualmente l’antico aspetto della città, sono state organizzate tre passeggiate archeologiche: sulle tracce delle antiche necropoli dei Veneti in via Tiepolo e via San Massimo (10 agosto) e alla scoperta della Padova romana (2 agosto) e di una delle più importanti vie di comunicazione dell’Impero, la via Annia, ripercorrendone il tratto da Prato della Valle a via Altinate (17 agosto). Sarà proposta un’uscita a Montegrotto (16 agosto) per scoprire le aree archeologiche d’epoca romana, con accesso anche al sito da pochi giorni aperto al pubblico. Si scenderà nelle viscere di Padova per vedere le stratificazioni accumulate nel tempo nei sotterranei del Palazzo della Ragione (30 luglio, 6, 8, 13, 20 e 27 agosto), di Palazzo Montivecchi (8 agosto) e del Centro Altinate San Gaetano (22 agosto).

Il programma di visite guidate sarà arricchito da conversazioni con archeologi e storici dell’arte che illustreranno nuove scoperte: saranno ad esempio presentati i risultati degli scavi archeologici al Castello Carrarese (1 settembre); verrà tracciato un confronto tra vecchi e nuovi dati sugli edifici da spettacolo a Padova in epoca romana (3 agosto). Ampio spazio anche all’approfondimento di alcuni temi particolarmente utili per capire la storia della nostra città e aspetti della società antica: verrà ricostruita la storia del luogo dove sorse l’albergo Storione, dall’insediamento dei Veneti antichi fino alla ristrutturazione architettonica di Giò Ponti (1 agosto), si parlerà della medicina in epoca romana (14 agosto).

L’ultima parte del programma è dedicata alla fortuna dei temi e motivi decorativi e architettonici antichi, con numerosi esempi: dagli affreschi realizzati da Andrea Mantegna alla Cappella Ovetari della Chiesa degli Eremitani (9 agosto), al complesso della Loggia Odeo Cornaro (30 agosto) voluto da Alvise Cornaro; dalle decorazioni della Sala dei Giganti al Palazzo Liviano (21 agosto) e della Sala della Gran Guardia nell’omonimo Palazzo (23 agosto), fino ad arrivare alla rivisitazione di gusto classicista, effettuata da Giuseppe Jappelli nello Stabilimento Pedrocchi (31 agosto).

Una sezione a parte pomeridiana è dedicata a bambini e ragazzi, con due laboratori didattici a Palazzo della Ragione, Esperienza di scavo archeologico (20 e 27 agosto) e Modellazione in argilla di oggetti di uso quotidiano al tempo dei Veneti (6 agosto).

Manifestazione realizzata con il contributo di CASSA DI RISPARMIO DEL VENETO

___________________________________

Informazioni

Le visite guidate iniziano alle ore 21, tranne la serata del 28 agosto che si apre alle ore 19.30. Biglietto unico 3 euro a persona per l’accesso ad una singola serata tranne per le serate con visita ai musei di Borgoricco e La Specola (biglietti in vendita nelle sedi stesse) e alla mostra Venetkens (5 euro). Possibilità di abbonamento: 6 euro a persona per l’accesso a 3 serate, 10 euro per 4 serate; ingresso gratuito per bambini fino ai 12 anni (tranne per i pomeriggi a lor0o dedicati) I biglietti per la partecipazione alle singole serate di visite guidate saranno messi in prevendita dal giorno ………..presso gli uffici del Settore Attività Culturali in via Porciglia dal lunedì al venerdì 8- 16, sabato 8-13 (chiuso domenica e il 15 agosto) con possibilità di acquistare il biglietto la sera stessa della visita in programma, nel caso in cui fossero ancora disponibili.

Settore Attività Culturali Via Porciglia 35, Padova 049/8204501-30

email: munarisabella@gmail.com

http://padovacultura.padovanet.it

 

0