Il presidente

 

Dott.ssa ASJA ZEC

Laureata in Archeologia – 1991 Zagabria (Croazia)

Laureata in Archeologia – 2009 Padova

Formazione culturale ed esperienze lavorative:

 

 

 

2015: collaborazione con “DEDALO” s.n.c. di Padova, in qualità di tecnico di scavo, sondaggi archeologici a Schio (VI) nelle vicinanze di “Campo Romano”; Lonigo (VI) assistenza archeologica riguardo i sondaggi per i plinti ENEL; ARCHEOLAB alla V Settimana della Scienza 21-25 settembre, Podgorica, Duklja, Montenegro (Mostra di CERN di Ginevra su Bosone di Higgs); partecipazione dell’ ARHEOLAB al XXIII Kotor International Art Festival (KotorART), sotto il patrocinio dell’UNESCO, 7-12 luglio; ARHEOLAB, scuola archeologica estiva a Budva (30.07.-25.08.) come offerta turistico-educativa dell’ antico emporio greco di IV sec.a.C. Buthoe; Centri Estivi in collaborazione con il comune di Altino (VE) e il Comune di Casalserugo (PD); collaborazione con il Nuovo Museo Archeologico Nazionale di Altino (VE); ESTE “Buongiorno Ceramica!” in collaborazione con il Comune di Este 29.05-31.05.; collaborazione dell’ARCHEOLAB con il Museo della Centuriazione Romana a Borgoricco (PD) e con il Museo Archeologico del Fiume Bacchiglione al Castello di San     Martino a Cervarese-Santa Croce (PD); ARCHEOLAB nele scuole di Padova; ARCHEODAYS al Parco Lonzina (12.04. e 17.05.), Colli Euganei Padova;

2014: partecipazione dell’ARCHEOLAB allo SGULP! La città del gioco, alla Fiera di Padova 7-9 novembre in collaborazione con Ecofficina; IV Settimana della Scienza 22-26 settembre, Podgorica, Duklja, Montenegro (Mostra “Italia del Futuro” organizzata dal CNR e della  Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa). ARCHEOLAB ha vinto il premio della divulgazione della scienza nella società; scuola archeologica estiva a Budva, Montenegro dal 24 luglio fino a 3 settembre; partecipazione dell’ARCHEOLAB al XXII Kotor International Art Festival (KotorART), sotto il patrocinio dell’UNESCO, 2-10 luglio, Montenegro; collaborazione   dell’ARCHEOLAB con il Museo della Centuriazione Romana a Borgoricco (PD) e con il Museo Archeologico del Fiume Bacchiglione al Castello di San Martino a Cervarese-Santa Croce (PD); “Traffici del vino in Dalmazia in epoca protostorica”, SPEA 14 (Seminario Permanente di Etnografia Alpina-Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina-San Michele all’Adige), Le frontiere nascoste della cultura del vino, 12-14.11.2014.;

2013: fondazione della ditta per la didattica e scavi archeologici “Street
Archaeology”; partecipazione alla mostra a Palazzo della Ragione “VENETKENS” con il laboratorio didattico di scavo archeologico stratigrafico ARCHEOLAB; collaborazione dell’ARCHEOLAB con il Museo della Centuriazione Romana a Borgoricco (PD) e con il Museo Archeologico del Fiume Bacchiglione al Castello di San Martino a Cervarese-Santa Croce (PD), MuseiColliEuganei; Centro Estivo a Conegliano (TV), Istituto Sacro Cuore; collaborazione con la ditta “GeoArcheologi Associati” sas a Este (PD) in via S. Stefano e a Padova, in via Carlo Cassan, in qualità di tecnico di scavo;

2012: collaborazione con la ditta “GeoArcheologi Associati” sas a Padova e a Montagnana (PD), in qualità di tecnico di scavo; elaborazione del ‘site processing’ di Palagruza (1996-2009) all’interno del progetto: “Adrias Kolpos: l’identità e l’economia dagli Illiri e dai Greci nell’isole della Dalmazia centrale”, della Facoltà di     lettere e filosofia a Spalato e Museo archeologico di Spalato; collaborazione con il Museo archeologico di Spalato, Museo archeolgico di Stari Grad a Hvar, Croazia, allo scavo della torre greca del IV sec. a.C. a Maslinovik, dell’antica colonia greca Pharos nell’isola di Hvar; collaborazioni con l’Ecofficina nella gestione del museo archeologico di San Martino a Cervarese-Santa Croce, MuseiColliEuganei;

2011: collaborazione con la ditta “GeoArcheologi Associati” sas e   “DEDALO” s.n.c. a Padova, in qualità di tecnico di scavo;  Pag, isola di Pag, Croazia, “Kid Campus” – laboratorio archeologico estivo per i ragazzi in collaborazione con il Comune di Pag e l’Azienda turistica di Pag; collaborazione con il Museo archeologico di Spalato, Museo archeolgico di Stari Grad a Hvar, Croazia, allo scavo della torre greca del IV sec. a.C. a Maslinovik, nell’isola di Hvar; collaborazione al progetto europeo ADRIAMUSE da parte Della provincia di Pesaro, prof. Maria Lucia de Nicolò, Università di Bologna, raporti interculturali tra l’Italia ed il Montenegro (Museo di Re Nicola a Cetinje e Museo marittimo di Kotor);

2010: iscritta al II° anno della Laurea Magistrale in Scienze archeologiche, Curriculum Pre-protostorico presso Università degli Studi di Padova, Facoltà di Lettere e Filosofia; pubblicazione: Tesi di Laurea, Proposta per una tipologia delle olle in ceramica grigia nel Veneto, Archeologia Veneta XXXII, 2009, pp. 43-87;    partecipazione, in qualità di relatore, all’International Summer School dell’Università di Bologna a Cattolica (12-17 maggio):  ”Mediterraneo. Archeologia e civiltà del vino. Produzione, scambi, barche, traffici”, con l’intervento: “Traffici del vino in Dalmazia in epoca preromana”; collaborazione con il Museo archeologico di Spalato, Croazia, al progetto: “Palagruza, l’isola di Diomede”; collaborazione con la Fondazione Castelli di Bolzano agli eventi culturali (mostre, concerti, teatro), sia a Castel Mareccio che a Castel Roncolo nello specifico, la sorveglianza della mostra a Castel Roncolo: “Homo sedens. L’arte del sedersi in Tirolo”;

2009: Laurea triennale in Archeologia presso Università degli Studi di Padova, Facoltà di Lettere e Filosofia, Archeologia classica e tecniche di produzione: “Proposta per una tipologia delle olle in ceramica grigia nel Veneto”, relatore Prof. Stefania Pesavento Mattioli, co-relatore Dott.ssa Mariolina Gamba; partecipazione, in     qualità di relatore, all’International Summer School dell’Università  di Bologna a Cattolica (1-6 giugno): ”Mediterraneo. Sulle rotte dei relitti e dei linguaggi del mare”, con l’intervento: “Le rotte marittime tra le due sponde dell’Adriatico in età preromana”, in corso di stampa; collaborazione con il Museo archeologico di Spalato, Croazia, al progetto: “Palagruza, l’isola di Diomede”; collaborazione con la Fondazione Castelli di Bolzano agli eventi culturali (mostre, concerti, teatro), sia a Castel Mareccio che a Castel Roncolo nello specifico la sorveglianza della mostra etnologica a castel Roncolo: “Verdi cappelli tra rocce grigie. Karl von Lutterotti (1793-1872)”;

2008: pubblicazione: Collezione Tonelli, ceramica etrusco-corinzia, Museo della Regina Cattolica (RN) in Archeologia e storia di un territorio di  confine, ADRIAS, 4, Itinerari storici, archeologici, antiquari, Roma,  2008; collaborazione con il Museo archeologico di Spalato, Croazia, al progetto: “Palagruza, l’isola di Diomede”; collaborazione con l’Ufficio Beni Archeologici di Bolzano allo studio del ripostiglio dell’età del ferro proveniente da Settequerce proprietà Huyn, Terlano (BZ); collaborazione con la Fondazione Castelli di Bolzano agli eventi culturali (mostre, concerti, teatro), sia a Castel Mareccio che a Castel Roncolo;

2007: collaborazione con il Prof. Lorenzo Braccesi dell’Università di Padova, al progetto B.A.R.C.A. dell’Adrias Kolpos per lo studio della Collezione Tonelli costituita da vasi etrusco-corinzi, custodita nel Museo della Regina di Cattolica (RN); partecipazione, in qualità dello studente, all’International Summer School dell’ Università di Bologna a Cattolica (4-8 settembre): “Mediterraneo. Archeologia navale e storia marittima dall’antichità al XX secolo”; Corso di Fondo Sociale Europeo FSE 3/145/2006 EGINA – Gestione Informatizzata dati archeologici e topografici, presso la sede del CLS a Bolzano (tirocinio di 300 h svolto presso l’Ufficio Beni     Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano: aggiornamento dati per Archaeobrowser e prima schedatura del ripostiglio dell’età del ferro rinvenuto a Settequerce– Huyn, (BZ));

2006: collaborazione con la ditta “CORA Ricerche Archeologiche” s.n.c. di Trento, in qualità di tecnico di scavo;

2004-2006: dipendente della ditta “Società Ricerche Archeologiche”  s.n.c. (SRA) di Bressanone in qualità di tecnico di scavo;

2001-2004: collaborazione con la ditta “GeoArcheologi Associati” sas e “DEDALO” s.n.c. a Padova, in qualità di tecnico di scavo;

Il Dott. Claudio Balista geoarcheologo con l’archeologa Dott.ssa Asja Zec

Il Dott. Claudio Balista geoarcheologo con l’archeologa Dott.ssa Asja Zec

1993-2001: socia della Cooperativa archeologica “P.ET.R.A.” s.c.r.l. a Padova, qualità di tecnico di scavo;

1999: pubblicazione: ricerca bibliografica sul sito di Nesazio in Oppidum Nesactium. Una città istro-romana, a cura di G. Rosada,Treviso,  1999, pp. 201-221.

1997/1996: frequentazione del corso sulla Sicurezza di lavoro. Legge 626. Lega delle cooperative, Marghera (VE). Responsabile della Sicurezza per i lavoratori della coop. “P.ET.R.A.”;

1993: collaborazione con la Dott.ssa Mariangela Ruta-Serafini (Soprintendenza archeologica del Veneto-Padova) nell’elaborazione delle schede RA della collezione di Montebello Vicentino;

1992-1994: borsa di studio presso l’Università di Padova e collaborazione al progetto del Prof. Guido Rosada “Nesazio antica”; pubblicazione: traduzione del testo del Prof. Marin Zaninovic, Archeologia classica e provinciale, Università di Zagabria, Apsorus, Crexa e Nesactium/Badò sualla rotta marittima adriatica, QdAV, X,     1994, pp. 179-188;

1991-1992: in qualità di giovane ricercatore collaborazione al progetto del Prof. Zeljko Tomicic, “Genesi e continuità della cultura di Bijelo Brdo nella Croazia continentale (X-XIII sec. d.C.)”, presso Il Centro delle Scienze Storiche – Istituto di Archeologia a Zagabria;

1986: il corso di apnea come preparazione per l’archeologia subacquea presso ‘Ronilacki klub di Zagabria’;

1985-1991: iscritta alla Facoltà di filosofia dell’Università di Zagabria (esami sostenuti 25) e conseguita la Laurea in indirizzo archeologico con la Prof.ssa Nives Majnaric-Pandzic, in protostoria, con la tesi “Costume degli Histri nella luce dei rinvenimenti delle necropoli di Vermo, Pizzughi e Nesazio”;

1981-1985: Liceo “L’istituto per la formazione professionale nell’ambito dell’istruzione e della cultura” a Rijeka. Consentito il titolo di Collaboratore nell’ istituzioni culturali e scientifiche;

1973-1981: Scuola Elementare presso l’Istituto “Vladimir Gortan” a Rijeka, e Scuola di Musica “Ivan Matetic Ronjgov” – strumento pianoforte – a Rijeka.

Conoscenza delle lingue: croato, italiano, inglese.

ESPERIENZE LAVORATIVE

2013

  • per “GeoArcheologi Associati”, il recupero delle tombe dell’età del ferro a Este (PD) in via S.Stefano 21-23, durante l’assistenza della posa delle tubature dell’acque bianche, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elodia Bianchin Citton, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, Padova;

2012

  • per “GeoArcheologi Associati”, lo scavo pluristratificato urbano, in Via Roma 41 a Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Ellena Pettenò, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, lo scavo dell’età del bronzo recente/finale a Montagnana (PD), in via Chisogno 4, lotto 689, proprietà Bergamasco, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elodia Bianchin Citton, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, Padova;
  • per Museo Archeologico di Spalato e Museo Archeologico di Stari Grad a Hvar, Croazia, lo scavo dell’antica torre greca del IV sec. a.C. a Maslinovik, appartenente alla diretta colonia dei Pari, cioè alla Hora di Faros;

2011

  • per “GeoArcheologi Associati”, lo scavo pluristratificato urbano, Palazzo Casale in Via del Santo 131 a Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Ellena Pettenò, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, Padova;
  • per “DEDALO” s.n.c., lo scavo della casa-laboratorio dell’ epoca romana Carrè (VI), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Maria Cristina Vallicelli, Intendenza per i Beni Archeologici del Veneto, Padova;
  • per Museo Archeologico di Spalato e Museo Archeologico di Stari Grad a Hvar, Croazia, lo scavo dell’antica torre greca del IV sec. a.C. a Maslinovik, appartenente alla diretta colonia dei Pari, cioè alla Hora di Faros;

2009

  • proseguimento delle ricerche archeologiche a Palagruza (Pelagosa), alla fortezza romana, sotto la direzione scientifica del Dott. Branko Kirigin, conservatore del Museo archeologico di Spalato, Croazia;

2008

  • ricerche archeologiche sul territorio del ex-tempio di Diomede sull’ isola di Palagruza (Pelagosa), situata in Croazia, anche se davanti a Monte Gargano, sotto la direzione scientifica del Dott. Branko Kirigin, conservatore del Museo archeologico di Spalato, Croazia;

2007

  • consulenza per “NET Engeenering” di Monselice (PD), in collaborazione con la Dott.ssa Irene Parnigotto di Padova. Verifica dell’interesse archeologico durante la fase di progettazione degli ampliamenti delle stazioni ferroviarie di San Donà di Piave (VE) e  Portogruaro (VE)
  • SFMR 2 fase–tratta ferroviaria Quarto d’Altino–Portogruaro, sulla linea ferroviaria Venezia–Trieste, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elena Pettenò;

2006

  • per “CORA”, scavo di un tumulo dell’età del bronzo a Gardolo di Mezzo (TN), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elisabetta Mottes, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Provincia autonoma di Trento;
  • per  “CORA”, scavo di un edificio tardoantico a Sanzeno–Casalini (TN), fondo Castrovilli, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Lorenza Endrizzi, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Provincia autonoma di Trento;
  • per “SRA”, prosecuzione dello scavo dell’insediamento protostorico a Vadena Laimburg Stadelhof, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli,Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;

2005

  • per “SRA”, scavo di una villa romana a Merano, Maia Alta, proprietà Zenatti, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa  Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, l’intervento di controllo archeologico  a Parcines in Hubenstrasse durante la posa delle nuove infrastrutture,  rinvenimento delle diverse strutture abitative dell’età del ferro, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali  di Bolzano;
  • per “SRA”, sondaggi di controllo; evidenze stratigrafiche e struttive dell’età del ferro a Terlano Settequerce proprietà Brigl, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, scavo delle opere murarie e delle stratificazioni a Castelfirmiano/ Sigmundskron, all’entrata del cortile nord, Bolzano, attribuibili ad un arco di tempo molto ampio (dall’età del bronzo fino al basso/ tardo medioevo), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, prosecuzione dello scavo delle abitazioni seminterrate dell’età del ferro (individuazione dell’organizzazione del territorio secondo un sistema protourbano), Terlano Settequerce proprietà Huyn, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, prosecuzione dello scavo dell’insediamento protostorico a Vadena Laimburg Stadelhof, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;

2004

  • per “SRA”, scavo di una strada romana inghiaiata a Ponte Gardena in via Cimitero, sotto la direzione scientifica del Dott. Umberto Tecchiati, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, scavo delle strutture murarie alto e basso medievali  nel cortile nord e sud a Castelfirmiano/ Sigmundskron, Bolzano, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di  Bolzano;
  • per “SRA”, scavo di un possente muro di cinta/ arginatura plurifase dell’età del ferro e l’individuazione di diverse strutture abitative adiacenti a Terlano Settequerce proprietà Huyn, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, scavo di una “casa” retica della seconda età del ferro a Terlano Settequerce proprietà Brigl, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, scavo delle strutture murarie romane della stazione stradale a San Lorenzo di Sebato, Rotonda, sotto la direzione scientifica del Dott. Umberto Tecchiati, Ufficio Beni Archeologici  della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “SRA”, scavo dell’insediamento protostorico a Vadena Laimburg Stadelhof, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Catrin Marzoli, Ufficio Beni Archeologici della Soprintendenza Provinciale ai Beni Culturali di Bolzano;
  • per “GeoArcheologi Associati”, prosecuzione dello scavo delle strutture murarie rinascimentali/ moderne a Palazzo Deodora in via Rudena, Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, intervento nella cantina dell’edificio sito a Piazza dei Signori n°6 a Padova, evidenze stratigrafiche e struttive medievali/rinascimentali, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza  Archeologica del Veneto, Padova;

2003

  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo della zecca di età romana e di un edificio pubblico durante la costruzione della nuova ala sud del Museo di Adria (RO) sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Simonetta Bonomi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, prosecuzione dello scavo di evidenze stratigrafiche e struttive di età romana e veneto-antica a Palazzo Polcastro, Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, sondaggio di controllo nel convento delle Suore Dorotee a Padova in via San Pietro; rinvenimento dell’arginatura perifluviale in impasto già riscontrata durante la campagna di scavo nella Palestra Ardor nel 2000;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo di una struttura romana spogliata e proseguimento verso sud della necropoli veneto-antica a Este (PD) in via dei Paleoveneti, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, controllo archeologico e rilevamento delle sezioni durante la costruzione di un nuovo condominio a Este (PD) nel quartiere Meggiaro;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo della necropoli romana (tombe e ustrina) a Montebelluna (TV) in via Legrenzi, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Annamaria Larese, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “DEDALO”, scavo di una strada romana porticata, dei residui di un muro perimetrale di una casa romana e di un terrazzamento perifluviale a Padova in via Cesarotti, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;

2002

  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo della necropoli romana (tombe, ustrina e recinti funebri) nelle cantine di Palazzo Mistrorigo a Padova, in via Vittorio Emanuele II, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo della domus romana plurifase con cortile (IV stipi votive) e delle strutture produttive a Padova in via Santa Sofia, Palazzo Polcastro, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo delle strutture murarie medievali/ rinascimentali e romane a Palazzo Deodara in via Rudena, Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, prosecuzione dello scavo a Este Capodaglio II (PD) e prima classificazione del materiale ceramico rinvenuto, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo della nuova zona della necropoli veneto-antica con ustrina, recinti funebri con cippi e monumento funebre circolare di età romana a sud e est della zona Capodaglio a Este (PD), in via dei Paleoveneti, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, l’intervento di controllo archeologico durante la costruzione del nuovo parcheggio a Santorso (VI) in via Salzena (zona PEEP); scavo di case di età romana in crollo;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo delle strutture di età romana e della necropoli medievale a Mel (BL) Piazza papa Luciani, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Giovanna Gangemi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo del muro, dell’aggere e della zona centrale del castelliere Noal di Sedico (BL), databile alla fase di passaggio dal bronzo finale alla prima età del ferro, sotto la  direzione scientifica della Dott.ssa Elodia Bianchin-Citton, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;

2001

  • per “Ceramiche estensi” visita guidata in inglese del Museo Nazionale Atestino;
  • per “GeoArcheologi Associati”, controllo e scavo archeologico durante i lavori ENEL della necropoli veneto antica e romana a Este (PD) in via Versori, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, rilevamento delle evidenze stratigrafiche del sondaggio a ESTE (PD) in via Corazza;
  • per “GeoArcheologi Associati”, scavo della necropoli veneto antica e dello spazio rituale (cippo anepigrafe) durante la costruzione della nuova vasca anti-incendio nella fabbrica KOMATSU a Este (PD) e  prima classificazione del materiale ceramico rinvenuto durante l’intervento, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, trincee di controllo archeologico per la costruzione di un nuovo condominio a Este – Pallugana (PD);
  • per “GeoArcheologi Associati”, inizio della campagna di scavo della necropoli veneto antica ad ustrina, dell’attracco perifluviale e della strada a Este, zona Capodaglio II (PD), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, documentazione delle opere murarie e scavo delle stratificazioni di età alto- e basso-medievale comprese le fornaci da ferro a Treviso, Palazzo Gobbi, sotto la  direzione scientifica della Dott.ssa  Elodia Bianchin-Citton, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”,  scavo (campagna conclusiva) delle piattaforme di lavorazione in impasto e tralicci dell’abitato  compreso fra l’età del bronzo finale e prima età del ferro a San Gaetano di Caorle (VE) sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elodia Bianchin Citton, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova, e prima classificazione della ceramica e degli impasti di tutte le campagne di scavo;
  • per “GeoArcheologi Asociati”, scavo di una strada romana con dei relativi porticati laterali e individuazione dell’abitato ellenistico ad Adria (RO) in via ex-Riformati, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Simonetta Bonomi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • per “GeoArcheologi Associati”, rilevamento delle sezioni durante la costruzione di un nuovo condominio a Montebelluna (TV) di fronte al tumulo della necropoli protostorica;
  • per P.ET.R.A., prosecuzione dello scavo di evidenze stratigrafiche e  struttive di età preromana, nella Questura di Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;

2000

  • P.ET.R.A., sondaggi con stratigrafia medioevo-rinascimentale e cisterne/ vasche a Padova, in via San Martino e Solferino;
  • P.ET.R.A., collaborazione con la ditta “GeoArcheologi Associati sas” allo scavo di una domus romana plurifase con l’annessa strada e porticato, e di una arginatura perifluviale in impasto di età veneto antica (fine VI-V sec. a.C.) a Padova, in via San Pietro (Palestra Ardor), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di evidenze stratigrafiche e struttive dalla prima età del ferro fino all’ epoca rinascimentale nella Questura di Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., assistenza archeologica ai lavori per la realizzazione di un complesso immobiliare a Este (PD), località Meggiaro;
  • P.ET.R.A., assistenza archeologica per conto della ditta “GeoArcheologi Associati sas” a Este (PD), in via Pilastro;
  • alla fine dell’anno fine del rapporto con la cooperativa P.ET.R.A. e  l’inizio della collaborazione con la “GeoArcheologi Assiociati sas” (Dott. Claudio Balista);

1999

  • P.ET.R.A., sondaggi di accertamento e lo scavo delle strutture murarie medevali/ rinascimentali, strutture murarie di età romana e abitazioni veneto-antiche a Padova, ex-UPIM, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di una villa di epoca romana a Montebelluna  (TV), nell’area di Santa Maria in Colle, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Giovanna Gangemi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., sondaggi relativi ad un grande edificio pubblico (presumibilmente anfiteatro) di età romana ad Adria (RO), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Simonetta Bonomi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di una porzione delle mura urbiche tardo-romane ad Aquileia (UD), a Palazzo Brunner, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Franca Maselli-Scotti, Soprintendenza Archeologica di Friuli-Venezia-Giulia, Trieste;
  • P.ET.R.A., scavo di un cimitero medievale e di strutture annesse alla Basilica a Muggia Vecchia (TS), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Franca Maselli-Scotti, Soprintendenza Archeologica di Friuli-Venezia-Giulia, Trieste;
  • P.ET.R.A., esecuzione di sondaggi nell’area degli horrea  a Trieste nella Città Vecchia (piano URBAN), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Franca Maselli-Scotti, Soprintendenza Archeologica di Friuli-Venezia-Giulia, Trieste;

1998

  • P.ET.R.A., sondaggi di accertamento di rischio archeologico con rinvenimento di un fossato di età rinascimentale a Padova, Velodromo Monti;
  • P.ET.R.A., lo scavo di evidenze stratigrafiche di età medievale e romana (quartiere artigianale e necropoli) a Padova, in via Savonarola/via Montona, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo all’interno di una cantina con rinvenimento di strutture medievali a Padova, Piazza della Frutta, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di evidenze stratigrafiche di età romana (argine e presunto cantiere per la costruzione dell’ arena) a Padova, Largo Europa, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di un tratto di mura trecentesche della città, di un grande drenaggio di anfore romane e di contesti di necropoli paleoveneta e romana a Padova, in via P. Paoli, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., sondaggi e scavo in area “off-site” con sequenza di depositi agrari di età romana e del bronzo a Este (PD), quartiere     Meggiaro, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., seconda campagna di scavo di strutture di età romana a Abano Terme (PD), stadio Monteortone, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Simonetta Bonomi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;

1997

  • P.ET.R.A., scavo di evidenze stratigrafiche di età romana (bonifiche ad anfore) e necropoli paleoveneta a Padova, in via Boito, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di un’area artigianale e di necropoli di età romana e delle tracce insediative di romanizzazione a Padova, Clinica Pediatrica, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di strutture di età romana a Abano Terme (PD), stadio di Monteortone, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa     Nicoletta Gangemi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo della necropoli di età medievale a Vicenza, in C.so Padova, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Marisa Rigoni, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A. e Università di Ljubljana (Slovenia), diretto dal Prof.  Bojan Djuric, ricognizioni di superficie e sondaggi di accertamento di rischio archeologico per lavori di costruzione dell’ autostrada, tracciato Ljubljana (SLO)-Zagreb (CRO);

1996

  • P.ET.R.A., scavo di una domus romana e di strutture di un abitato paleoveneto a Padova, in via S. Francesco (Palazzo Zabarella), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., sondaggio preventivo in area di necropoli paleoveneta a Padova, in via S. Massimo;
  • P.ET.R.A., sondaggio archeologico di strutture e cimitero di età rinascimentale a Padova, in via del Padovanino;
  • P.ET.R.A., scavo di strutture rinascimentali e di un settore di necropoli romana a Padova in via Ognissanti, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, della Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di un settore dell’ aggere difensivo di XI sec.d.C. a Padova, in via Rudena, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., indagini lungo la sponda destra del paleoalveo dell’Adige in prossimità delle necropoli paleovenete meridionali a Este (PD), in via Restara;
  • P.ET.R.A., scavo delle piattaforme lavorative in impasto dell’abitato dell’età della tarda età del bronzo e della prima età del ferro a S.Gaetano di Caorle (VE), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elodia Bianchin-Citton, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., sondaggi archeologici e messa in luce delle strutture abitative seminterrate di età protostorica a Costabissara (VI), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Marisa Rigoni, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;

1995

  • P.ET.R.A., scavo di strutture romane e di necropoli paleoveneta a Padova in via S. Eufemia, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di strutture romane e dell’età del ferro (strada e resti di abitato) a Este (PD), in via Gambina, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Mariangela Ruta Serafini, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., controllo archeologico per posa di fognature ed impianto di depurazione con rinvenimento di strutture relative all’ abitato di età paleoveneta a Este (PD), ULSS 17, chiostro S. Maria delle Consolazioni;
  • P.ET.R.A., scavo di evidenze d’ambito rurale di età romana a Vigorovea di S. Angelo di Piove di Sacco (PD), sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Simonetta Bonomi, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • P.ET.R.A., scavo di area di necropoli di età romana e protostorica a Brescia, in contrada S. Chiara, condotto dalla Dott.ssa Ivana Venturini e sotto la direzione scientifica del Dott. Andrea Breda, Soprintendenza Archeologica della Lombardia;

1994

  • P.ET.R.A., controllo archeologico durante la posa di cavi ENEL a Cittadella (PD), abitato dell’età del bronzo recente;
  • P.ET.R.A., sondaggi nell’area di una probabile necropoli e     dell’abitato della prima età del ferro a Montagnana (PD) in via Chisogno- proprietà Favazza;
  • P.ET.R.A., controllo archeologico durante lavori di scavo sull’ antica via Postumia, attuale via Postioma (S.P.102), a Castelfranco Veneto (TV);
  • P.ET.R.A., seconda fase della campagna di scavo dell’abitato della prima età del ferro a Montagnana (PD) in via Decimetta, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elodia Bianchin-Citton, Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova;
  • seconda campagna dell’ indagini a Nesazio e Porto Badò (CRO); trincea preliminare presso le mura di cinta nord- documentazione del materiale rinvenuto (progetto internazionale diretto dal Prof. Guido Rosada dell’ Università degli Studi di Padova, Archeologia delle Venezie e Topografia dell’Italia Antica, in collaborazione con l’Università di Zagreb, Prof. Marin Zaninovic, Archeologia Classica e Provinciale e con il Museo archeologico di Pula, Dott.ssa Klara          Bursic-Matijasic, Dott. Robert Matijasic, Dott.ssa Kristina Mihovilic);
  • nell’ambito del progetto “ Nesazio antica”,  due seminari sull’ Istria preromana (10-11/04) per gli studenti del XII ciclo di seminari sul tema: “La ricostruzione dell’ambiente antico attraverso lo studio e l’analisi del terreno e dei manufatti (strumenti e metodi di ricerca)” facenti parte degli insegnamenti di Archeologia delle Venezie e Topografia dell’Italia Antica, Dipartimento di Archeologia dell’Università di Padova, Prof. Guido Rosada;

1993

  • collaborazione con la Dott.ssa Mariangela Ruta-Serafini della Soprintendenza Archeologica del Veneto, Padova, nella compilazione delle schede RA della collezione costituita da 300 reperti provenienti da Montebello Vicentino (VI) di origine veneto-antica e celtica;
  • prima campagna preliminire a Nesazio (CRO);indagini geoeletriche, eletromagnetiche, geo-radar e foto aeree (progetto internazionale diretto dal Prof. Guido Rosada dell’ Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Archeologia, Archeologia delle Venezie e Topografia dell’Italia Antica, in collaborazione con     l’Università di Zagreb, Prof. Marin Zaninovic, Archeologia Classica e Provinciale e con il Museo archeologico di Pula, Dott.ssa Klara Bursic-Matijasic, Dott. Robert Matijasic, Dott.ssa Kristina Mihovilic);
  • campagna di scavo con la coop. P.ET.R.A. a Montagnana (PD) in via Decimetta, indagine in estensione dell’abitato della prima età      del ferro sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Elodia Bianchin-Citton della Soprintendenza Archeolgica del Veneto, Padova;
  • novembre: associazione alla cooperativa P.ET.R.A. (Prassi e Teoria nella Ricerca Archeologica) in qualità di tecnico di scavo;

1992

  • campagna conclusiva dello scavo nella Rocca di Asolo diretta del Prof. Guido Rosada Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Archeologia, Archeologia delle Venezie e Topografia dell’Italia Antica;
  • in qualità di giovane ricercatore collaborazione al progetto del Prof. Zeljko Tomicic : “Genesi e continuità della cultura di Bijelo Brdo nella Croazia continentale (X-XIII sec. d.C.)”, presso Il Centro delle Scienze Storiche-Istituto di Archeologia a Zagreb;
  • collaborazione con il Prof. Marin Zaninovic, Università di Zagreb, Facoltà di filosofia, Archeologia greca e romana, all’elaborazione della documentazione degli scavi condotti nell’isola di Hvar (Cro); castelliere Purkin Kuk e villa rustica Kupinovik;
  • borsa di studio presso l’Università di Padova e partecipazione al progetto riguardante l’antica capitale degli Histri, Nezakcij (CRO), diretto dal Prof. Guido Rosada, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Archelogia, Archeologia delle Venezie e Topografia dell’Italia antica, in collaborazione con l’Università di Zagreb,  Istituto di Archeologia, Archeologia classica e provinciale, Prof.  Marin Zaninovic, e con il Museo archeologico di Pula, Dott.ssa Klara Bursic-Matijasic, Dott. Robert Matijasic, Dott.ssa Kristina Mihovilic;

1991

  • dall’ottobre fino all’aprile 1992 collaborazione all’elaborazione di un software, in qualità di giovane ricercatore, nel progetto del Prof.  Zeljko Tomicic: “Genesi e  continuità della cultura di Bijelo Brdo nella Croazia continentale (X-XIII sec. d. C.)” presso Il Centro delle Scienze Storiche-Istituto di archeologia a Zagreb;
  • maggio, conseguita la laurea in indirizzo archeologico con la Prof.ssa Nives Majnaric-Pandzic in protostoria, con la tesi:  “Abbigliamento degli Histri nella luce dei rinvenimenti di reperti materiali delle necropoli di Vermo, Pizzughi e Nesazio”;
  • scavo dell’ insediamento preistorico della cultura di Lasinja a Ozalj presso Karlovac (Croazia continentale), diretto dal Dott. Gojko Lazovaca del Museo Archeologico di Karlovac;

1990

  • scavo della Rocca di Asolo presso Treviso diretto dal Prof. Guido Rosada dell’ Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Archeologia, Archeologia delle Venezie e Topografia dell’Italia Antica;

1989

  • scavo dell’insediamento protostorico nelle cantine del Museo della città di Zagreb (Popov toranj), diretto dal Dott. Ivan Saric Soprintendenza archeologica della città di Zagreb;
  • scavo della necropoli medievale della cultura di Bijelo Brdo a Ciganka, Crlena Klisa presso Podravska Slatina (Croazia continentale), diretto dal Dott. Zeljko Tomicic, Il Centro delle Scienze Storiche-Istituto di archeologia, Zagreb;
  • scavo preliminare della necropoli medievale della cultura di Bijelo Brdo a Pitomaca (Croazia continentale), diretto dal Dott. Zeljko Tomicic, Centro delle Scienze Storiche-Istituto di archeologia, Zagreb;
  • dal 09/08 fino al 29/08 partecipazione al programma della “Scuola archeologica estiva del paesaggio mediteraneo Ager Pharensis” (survey-analisi-tutela-pianificazione) nell’isola di Hvar a Stari Grad (colonia greca Pharos-centuriazione greca), parte integrante del progetto internazionale multidisciplinare condotto dall’Università di Zagreb (Prof. Marin Zaninovic), l’ Università di Ljubljana, Slovenia (Prof. Bozidar  Slapsak), l’ Università di Bredford, Inghilterra (Prof. John Bintliff) e dal Museo Archeologico di Spalato (Dott. BrankoKirigin);
  • Istituto di ricerca per i giovani a Petnica/ Valjevo (Serbia): realizzazione del progetto di archeologia sperimentale da parte degli studenti di archeologia dell ex-Yugoslavia e scavo dell’insediamento preistorico della cultura di Vinca;

1988

  • scavo della necropoli medievale della cultura di Bijelo Brdo, nella località Kalnik-Igrisce (Croazia continentale), diretto dal Dott.  Zeljko Tomicic, Il Centro delle Scienze Storiche-Istituto di archeologia, Zagreb;
  • pulizia delle mura di cinta e lo scavo del borgo medievale Stara Klisa presso Krapinske Toplice (Croazia continentale), diretti dal Dott. Zeljko Tomicic, Il Centro delle Scienze Storiche-Istituto di archeologia, Zagreb;

1987

  • pulitura e scavo della piccola chiesa di età paleocristiana San Juraj a Mala Krasa a Punat, nell’ isola di Krk, diretti dal Dott. Zeljko Tomicic, Il Centro delle Scienze Storiche-Istituto di archeologia, Zagreb;
  • sondaggi di controllo presso le cinta muraria nord-ovest e sud-est del castelliere Veli Kaslir presso Punat nella isola di Krk, diretti dal Dott. Nino Novak e Dott. Ranko Starac, Soprintendenza dell’Istria e della Croazia nord-adriatica, Rijeka;
  • rilevamento del borgo medievale Veliko Gradisce/ Klenovec nella Croazia continentale, condotto dal Dott. Zeljko Tomicic, Il Centro delle Scienze Storiche- Istituto di archeologia, Zagreb;
  • seconda campagna dello scavo della necropoli medievale della cultura di Bijelo Brdo a Stenjevac, diretto dalla Dott.ssa Kate Simoni, Museo Archeologico di Zagreb;

1986

  • rilevamento del Castello di Krk dell’isola di Krk, insediamento di età romana, diretto dalla Dott.ssa Aleksandra Faber, Centro delle Scienze Storiche-Istituto di archeologia, Zagreb;
  • ricognizione/ survey del Veli e Mali Kaslir (Castelliere) presso Punat nell’isola di Krk e scavo della necropoli protostorica, diretti dal Dott. Nino Novak e Dott. Ranko Starac, Soprintendenza dell’Istria e della Croazia nord-adriatica, Rijeka;
  • scavo della cisterna di una villa rustica nei sobborghi di Punat e della necropoli residuale di età paleocristiana, diretti dal Dott. Nino Novak e Dott. Ranko Starac, Soprintendenza dell’Istria e della Croazia nord-adriatica, Rijeka;
  • scavo della necropoli medievale della cultura di Bijelo Brdo a Stenjevac, presso Zagreb, diretto dalla Dott.ssa Kate Simoni, Museo Archeologico di Zagreb.